Progetto e realizzazione         
di una rete radioamatoriale digitale
         
 

 

.: INTRODUZIONE :.   .: STORIA :.   .: MANUALE :.   .: ITANET & LA PROTEZIONE CIVILE :.   .: AREA DOWNLOAD :.

.: APPARATI MOBILI DIGITALI :.   .: POSTAZIONI ITANET IN FVG :.   .: ITANET NEWS :.   .: GALLERIA FOTOGRAFICA :.

 

IR3UFP ripetitore D-STAR di TRIESTE

installazione e collaudo del sistema

presso il Palazzo del Governo (prefettura) di Trieste

(seconda  parte)

Lunedi' 7 settembre, il "grande giorno": Ŕ programmata l'ultimazione dell'intervento di installazione in Prefettura a Trieste del ripetitore D-STAR IR3UFP. Come giÓ descritto nella news precedente, giÓ era stato installato e collaudato in occasione del primo intervento il link WIFI 5 Ghz con Monfalcone, ed individuati e sistemati staffaggi per le antenne e percorso dei cavi. Nel corso del secondo ed ultimo intervento occorreva installare le antenne, tirare ed intestare i cavi, farli passare al coperto nei locali della Prefettura dove, in cima ad un armadio, Ŕ stato sistemato il ponte vero e proprio. Per questo compito..abbiamo chiamato i rinforzi HI! Dalla Sezione ARI di Pordenone sono intervenuti Daniele IV3TDM e Andres IV3GJB muniti di scale, cavi, connettori e..tanta pazienza e buona volontÓ! Lo scopo Ŕ stato quello di creare un'installazione di tipo "certificato" come richiesto dalla Prefettura (Daniele TDM se ne occupa professionalmente) sistemando le discese dei cavi nei cavidotti esistenti, creandone altri nuovi e in linea di massima "evitando" di effettuare nuove perforazioni di muri e solai in modo da creare meno fastidio possibile al personale che nei medesimi locali nei quali abbiamo installato il rack del "ponte" lavorano 24 su 24 per garantire le comunicazioni della Prefettura... Iniziando la cronaca della giornata..dalla "fine", ecco a lato la foto commemorativa dell'evento : da sinistra Massimo IW3QOJ, poi Daniele IV3TDM, Andres IV3GJB e naturalmente Gigi IV3LNQ posano sulla terrazza sotto al "traliccio" della Prefettura. Il traliccio naturalmente oltre alle antenne dei Radioamatori ospita quelle di altri enti di Stato ( Polizia, Carabinieri, 118 ecc). le antenne "nostre" che si vedono in foto, oltre alla parabola, sono le due "collineari" sul lato anteriore, pi¨ un'ulteriore verticale e una direttiva UHF relative alla stazione radio adibita alle comunicazioni radioamatoriale tra le Prefetture. Essenziale Ŕ stata la collaborazione con il personale della Prefettura per l'ottenimento del permesso ad installare. In questo Gigi LNQ Ŕ stato veramente efficace e soprattutto.. molto CELERE!!

 

 

Nelle foto accanto e sopra, dettagli dell'intervento di Daniele e Andres sul traliccio per collegare le antenne ai cavi di discesa. Si nota anche la piccola antenna settoriale per i 5 Ghz (foto a sinistra sopra la testa di Andres) che servirÓ per collegare la Sezione ARI di Trieste alla rete WIFI del Triveneto, similmente a quanto giÓ fatto dalla sezione ARI di Udine recentemente.

 

 

Ecco infine il "ponte D-STAR completo" nella sua sistemazione definitiva: allestito in mobile rack da 8 unitÓ con controller, unitÓ fonia digitale UHF , unitÓ dati digitali UHF, alimentatore con batteria 12V tampone e circuito di carica, circuito di controllo accensione/spegnimento/reset remoto via rete. Il tutto Ŕ stato posizionato sopra ad un mobile preesistente, ad altezza di circa 2 metri da terra, in posizione quindi protetta da manomissioni accidentali. Sopra al contenitore-rack si intravede il filtro/diplexer UHF (cavitÓ colore blu) munito di tri-plexer per utilizzare l'antenna oltre che per la fonia digitale sui 430 mhz anche per i "dati digitali" sui 1297 Mhz. 

 

 

Appena acceso il sistema, abbiamo potuto immediatamente constatare il perfetto funzionamento di tutto l'impianto. La configurazione adottata in questa specifica installazione Ŕ al quanto particolare: infatti il link WIFI a 5 ghz ha consentito di "delocalizzare" il server Linux di controllo (situato a Monfalcone) dagli apparati radio e relativo controller. Si Ŕ infatti pensato che, visto che l'accesso in Prefettura comunque richiede pianificazione, non era molto indicato installare apparati ( vedi Pc) che richiedono comunque un minimo di manutenzione nel tempo (hard disk, ventole ecc). Lo stesso dicasi per resettare, accendere e spegnere l'impianto in caso di necessitÓ. Attraverso il link WIFI , oltre a portare la "rete", abbiamo effettuato una traslazione di un'intera sottorete (la 172.16.0.xx) che Ŕ quella che collega il server Linux al controller D-STAR. Opinioni precedentemente ottenute da colleghi americani sconsigliavano questa soluzione perchŔ, a detta loro, poco affidabile se il link non Ŕ assolutamente perfetto... Il nostro link lo Ŕ ( segnale ottenuto mediamente - 50 dBm con rapporto s/n sui 50 db!) e quindi abbiamo optato per questa innovativa soluzione. Il tempo saprÓ darci ragione sulla scelta..!

In conclusione, ricordiamo  che il  ripetitore installato in Prefettura a Trieste ha nominativo IR3UFP, frequenza 431,550 Mhz (tx ponte) e ricezione 433,150 Mhz. Questo per la parte "fonia digitale". Inoltre utilizza anche la frequenza simplex 1297,475 Mhz per la trasmissione-dati a media velocitÓ. Ricordiamo anche che la REGISTRAZIONE avviene sempre come per il ripetitore IR3CZ, in quanto il database Ŕ il medesimo trattandosi di due server ubicati nello stesso posto (la Sezione ARI di Monfalcone).

Fatto questo....ora tocca agli amici di UDINE...per il prossimo ripetitore D-STAR ARI del Friuli Venezia Giulia!

<--- TORNA ALLA SEZIONE NEWS